Menu

L’importanza del secondo fotografo di matrimonio

L’importanza del secondo fotografo di matrimonio

Ecco tutti i motivi per ingaggiare un secondo fotografo, dal supporto operativo alle garanzie di backup fino all’apporto creativo. Un elemento di valore per il vostro servizio di matrimonio a fronte di una spesa irrisoria

Fotografo di MatrimonioQuando arrivano nello studio del fotografo di matrimonio per chiedere informazioni sul servizio di wedding reportage, gli sposi sono preoccupati soprattutto su alcune questioni: ovviamente il corrispettivo dovuto, ma anche le ore di presenza degli operatori durante la giornata delle nozze, il numero di scatti effettuati e consegnati, la qualità della post-produzione e dell’album. Tuttavia, molte domande si concentrano sulla sicurezza, ovvero sul backup dei files e sulla varietà/completezza delle scene riprese: “Come vengono salvate le foto?”, “Cosa succede se una scheda viene persa o danneggiata?”, “Saranno fotografati tutti gli invitati?”, “Avremo le immagini dei preparativi di entrambi?”.

Compito del professionista è offrire le opportune e sincere rassicurazioni per tutte queste perplessità, proponendo come ulteriore garanzia l’ingaggio del secondo fotografo durante la giornata del matrimonio. Ma cosa si intende esattamente con questa figura?

Le garanzie del fotografo professionista

Innanzitutto, bisogna fare una dovuta premessa: il primo fotografo, se è un matrimonialista di professione, è perfettamente in grado di gestire l’intero evento, dai preparativi alla cerimonia al ricevimento, in totale autonomia, assicurando sia gli scatti fondamentali (le immagini che ritraggono le scene salienti – come lo scambio degli anelli – e che assolutamente non devono mancare) sia le immagini di contorno ed emozionali.

Il primo fotografo lavora generalmente con due corpi macchina e un’ampia gamma di obiettivi, quindi può effettuare diverse inquadrature in velocità e avere la garanzia della seconda fotocamera in caso una delle due si guastasse.

Inoltre, le moderne macchine fotografiche professionali hanno la possibilità di utilizzare contemporaneamente due schede di memoria (generalmente, una Secure Digital e una più performante Compact Flash) con funzionalità di “Copia”. In sostanza, al momento dello scatto, le immagini vengono salvate istantaneamente su entrambe le cards, garantendo una duplice copia (in caso una delle due memorie si rompa o venga smarrita, tutte le foto saranno comunque presenti sull’altra).

L’importanza del secondo fotografo

Perché è utile il secondo fotografo di matrimonio quindi?

Realizzare un servizio fotografico di matrimonio è un lavoro molto gratificante, ma nonostante la passione e l’esperienza, rimane comunque faticoso: bisogna passare molte ore in piedi, spesso con al collo attrezzatura pesante, muovendosi di continuo e spostandosi in auto spesso per svariati chilometri; tuttavia, attenzione e concentrazione devono rimanere sempre al massimo. La presenza di un secondo fotografo innanzitutto alleggerisce il compito del fotografo principale, occupandosi di alcune attività di gestione e dettaglio (ad esempio, raduna gli invitati per le foto di gruppo oppure pulisce la scena dagli oggetti indesiderati).

Oltre al supporto operativo e conseguentemente psicologico (la delega delle mansioni permette al primo fotografo di liberare la mente e la creatività, lavorando meglio), il secondo fotografo offre anche una garanzia di ulteriore backup delle immagini in caso di attrezzatura difettosa.

Infine, lungi dall’essere un semplice assistente alle prime armi o il “seguipersona” del fotografo principale, il secondo fotografo fornisce un alto apporto creativo personale, contribuendo alla variatio delle immagini e delle prospettive. In sostanza, è un “secondo occhio” che coglie momenti, scene e soggetti diversi, da un punto di vista alternativo e secondo un’interpretazione propria. Il collaboratore avrà infatti un gusto estetico e un imprinting fotografico affini al suo principale (così da garantire l’uniformità dello stile e rispettare le aspettative degli sposi), ma aggiungerà  un quid di valore soprattutto in alcuni momenti topici. Si pensi ad esempio, allo scambio degli anelli: spesso sull’altare lo spazio di movimento è angusto e il fotografo dovrà scegliere dove posizionarsi per garantire la massima visibilità di ripresa; dovendo mettersi lateralmente rispetto al celebrante e non avendo il tempo di cambiare posto durante il rito, sarà costretto a privilegiare una sola angolazione (solitamente a favore della sposa); tuttavia, grazie al secondo fotografo, sarà possibile riprendere la scena da due soggettive diverse, documentando il momento in modo molto più completo ed emozionale.

Per tutti questi motivi (supporto operativo, ulteriore garanzia di sicurezza e backup, contributo creativo), è sempre raccomandabile l’ingaggio di un secondo fotografo: la rinuncia sarebbe davvero penalizzante e ingiustificata, anche a fronte di un costo aggiuntivo irrisorio rispetto al preventivo totale del servizio di matrimonio.

0 Comments Leave a reply

    Leave a comment

    Your comment(click button to send)

    This is a unique website which will require a more modern browser to work!

    Please upgrade today!

    🦋 🌈 ☺️ Ciao! Qualche domanda?
    WhatsApp Chat
    🦋 🌈 ☺️ Ciao! Posso aiutarti?